Moody’s Grecia, rating giù: le conseguenze per i mercati

Grecia.svg

L’agenzia internazionale Moody’s ha deciso di tagliare il rating della Grecia, portandolo da Ca a C. In una nota dell’agenzia si legge che: “La decisione è legata alla proposta di ristrutturazione del debito della Grecia che impone perdite per gli investitori di oltre il 70 per cento è ciò è il linea con i criteri di Moody’s per un rating C”.

Si tratta del gradino più basso della valutazione nella scala dell’agenzia di rating. Già la scorsa settimana, Standard & Poor’s aveva tagliato il rating ellenico a default selettivo, mentre Fitch l’aveva ridotto a C da CCC, prevedendo un default nel breve termine.

Adesso, a causare un nuovo crollo del rating della Grecia, è stata l’operazione di haircut del debito che si trova in mano a investitori privati che per Moody’s implicherà perdite di oltre il 70 per cento per chi ha titoli greci in portafoglio.

Una cosa che sicuramente avrà anche delle conseguenze incredibili per i mercati. Secondo gli analisti dopo questo passo c’è solo la bancarotta. Come ho scritto prima, infatti, l’haircut porterà perdite altissime per chi ha titoli greci e questo rende quindi probabile un default, scrive l’agenzia internazionale Moody’s.

L’operazione prevede che i titoli attuali in mano ai creditori provati vengano sostituiti con altri a più lunga scadenza e con interessi minori. Lo swap è dunque volontario e l’Eurozona si aspetta che vi sia una partecipazione vicina al 90%. Se così però non fosse la Grecia avrebbe la possibilità di imporre la partecipazione con le clausole di azione collettiva.

Cosa accadrà a questo punto? Secondo Moody’s è veramente molto difficile che la Grecia riesca a tornare sul mercato una volta che gli effetti del nuovo prestito saranno terminati. E questa è l’ipotesi che hanno in molti, noi speriamo non sia veramente così.