New York Times online, data storica per il quotidiano a pagamento su Internet

new-york-times

Ieri, Arthur Sulzberger jr, editore di uno dei giornali più prestigiosi al mondo, se non il più prestigioso in assoluto, ha annunciato che il New York Times passa al digitale.
Il 28 marzo 2011 passerà alla storia come il giorno in cui, per la prima volta, il New York Times ha cominciato a vendere via web i suoi servizi. E’ una scommessa importante, che forse segnerà il futuro dell’editoria e dell’intera industria mediatica.
L’esordio del New York Times servirà a capire come il pubblico dei lettori reagirà a questa iniziativa.
Il New York Times da ieri ha cominciato a chiedere ai suoi lettori online di pagare per leggere. Naturalmente, il quotidiano statunitense, punta tutto sulla qualità del prodotto offerto. Unico elemento che possa portare un lettore a pagare per avere delle notizie, piuttosto che cercarle gratuitamente sulla rete.
Una scommessa davvero interessante che, qualora trovasse il sostegno della gente, sicuramente potrebbe essere esportata in tutto il mondo. La qualità paga. Anche nel mondo dell’informazione.