News terremoto in Emilia, ultime rivelazioni INGV parlano di 71 scosse

640px-Moglia2

Nella giornata di ieri, l’Istituto Nazionale di Geologia e Vulcanologia ha segnalato la registrazione di 71 scosse, delle quali soltanto 4 di magnitudo superiore a 3.0. Diversi giornali, stando alle ultime notizie pubblicate sui terremoti in Emilia Romagna, hanno parlano di “notte di tregua” in merito a quella appena conclusasi. Il sonno dei cittadini di Modena, Ferrara, Reggio Emilia e Bologna è stato disturbato soltanto da 15 lievi scosse che non hanno riportato danni a cose o persone.

La situazione tendopoli

Oggi è il 17esimo giorno di permanenza nelle tendopoli da parte delle popolazioni terremotate. Le iniziative a favore delle tendopoli sono tante, il Telefono Azzurro ad esempio si sta dando da fare per “impostare la quotidianità dell’emergenza delle tendopoli nell’ottica della massima sicurezza a favore di bambini e adolescenti”, con l’obiettivo di limitare i traumi e i disagi che i bambini hanno subito da questo sisma. Spuntano inoltre diverse attività ludiche, religiose e politiche per garantire alla tendopoli una abitabilità degna dei suoi cittadini. Ad oggi la protezione civile ha raccolto 10 milioni di euro via sms da parte del resto della popolazione italiana.

Disagi sociali

Date una occhiata a questo bellissimo articolo de Il Messaggero: il terremoto ha un nome da parte degli abitanti, “La bestia”,  non è un nome simile agli uragani americani, come Katrina, o Lucia, ad esempio. La rassegnazione, il pianto “con dignità, senza vergogna, senza resa, come fanno da ieri uomini e donne dell’Emilia”, unisce la comunità, e dà forza a tutti i progetti di ricostruzione ancora in ballo. Senza perdere mai la speranza.

Il ristorante cinese

Curiosità: a Moglia è nato il mito del ristorante cinese di Yang Zhangyun, unico ristorante rimasto in piedi nel paese. Il giornalista che lo ha avvicinato, dice che si è ormai arreso e si sente una “vittima predestinata”, ma l’Italia intera, e non solo i suoi compaesani, fa il tifo per lui. Il locale è ancora agibile e l’attività va avanti. Speriamo il più possibile.