Oggi i funerali di Giorgio Bocca a Milano

Giorgio_bocca

Ci lascia nel giorno di Natale, Giorgio Bocca, uno dei grandi giornalisti che ha fatto la storia di questi decenni.

E oggi è stato il giorno dei suoi funerali che hanno avuto luogo nella basilica di San Vittore al Corpo a Milano. Una cerimonia in forma privata, così come chiesto esplicitamente dalla famiglia, senza autorità ma aperta ai cittadini. Duecento persone circa, tra famigliari, amici e colleghi. A celebrare la funzione don RobertoVignolo che ha ricordato Bocca come “un partigiano della parola con i piedi ben piantati per terra, un giornalista che credeva nel valore della verità che ha difeso dividendo i fatti dalle opinioni”. Un giornalista come pochi quindi, un giornalista da cui prendere esempio. Alla cerimonia non potevano mancare gran parte dei suoi colleghi che lo hanno accompagnato in tutti questi anni: da Ezio Mauro, direttore di Repubblica, a Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera, da Gad Lerner a Gian Antonio Stella, da Umberto Eco a Natalia Aspesi, ma anche i magistrati Gian Carlo Caselli e Francesco Greco. Colleghi e amici di vecchia data con cui Giorgio Bocca ha trascorso intense giornate per il solo valore di difendere i nostri diritti. E così tornerà tra le montagne a La Salle, in Valle D’Aosta, dove aveva una casa per le vacanze. La salma del cronista sarà, infatti, ora cremata e le sue ceneri saranno portate in quel luogo dove lui amava tanto trascorrere gran parte dei week end, non appena aveva un po’ di tempo libero.

Anche noi vogliamo dargli il nostro ultimo saluto, sperando che il vuoto che lascerà possa essere presto colmato da qualcuno che prenderà il suo posto.