Piazza Affari: Safilo si compra Polaroid

Safilo_Logo

Safilo aggiunge anche Polaroid al suo  già molto ricco portafoglio di marchi proprietari. E lo fa con un’operazione che è mista tra contanti e aumento di capitale. Un’operazione che riconosce senza dubbio un forte premio rispetto al valore di mercato del gruppo “made in Italy”.
La società, guidata da Roberto Vedovotto, acquisirà Polaroid con 21 milioni di euro in contanti e 44 milioni versati attraverso un prestito fatto dall’azionista che prevederà un aumento di capitale per il socio di maggioranza Multibrands Italy Bv, che rappresenta il veicolo di Hal holding Nv. 9 euro ciascuna è il prezzo delle nuove azioni che verranno emesse, quasi il doppio rispetto all’odierno valore di mercato del titolo, che oggi, venerdì 18 novembre, a Piazza Affari valeva 4,6 euro.
Vale la pena ricordare che Polaroid è una griffe storica, al livello di Ray Ban, un marchio cult negli Stati Uniti. La società ha un fatturato di circa 65 milioni di dollari facendo registrare un’alta marginalità che è stata pari a  8,7 milioni di euro di margine operativo lordo. E così grazie all’acquisto di Polaroid e alla licenza per produrre gli occhaili Celine, siglata sempre in questi giorni, Safilo ha recuperato circa la metà del fatturato che dovrebbe perdere nel 2012 quando verrà scadrà il contratto di licenza per produrre gli occhiali Armani.
Il Gruppo Safilo (che è l’acronimo di Società Azionaria Fabbrica Italiana Lavorazione Occhiali) produce e distribuisce occhiali da vista, da sole e sportivi, caschi da sci, maschere da sci e  e bici, ha sede amministrativa a  Padova. E’ stata fondata nel 1934 da  Guglielmo Tabacch, nato nel 1900 nello stato di New York, figlio di emigranti italiani, qche rilevò la ditta “Carniel”, la prima fabbrica italiana di occhiali, risalente al 1878, a Calalzo di Cadore
Tra i marchi propri si annoverano Safilo,  Blue Bay, Oxydo, Carrera, Smith.