Poker online, il mercato tira

Poker

Il poker on line, come ormai sappiamo, è diventato uno dei giochi più usati su internet. Si calcola addirittura che nel solo mese di gennaio del 2012 gli italiani abbiano giocato la bellezza di 883,5 milioni di euro. Una cifra da record rispetto ai mesi precedenti.

E questa somma non comprende il denaro raccolto nei tornei e sit and go che arrivano a raggiungere la cifra di 130 milioni. Parliamo di somme alquanto spaventevoli, se pensiamo che il poker italiano ha superato in un solo mese la soglia di un miliardo di euro.

Quello raggiunto nel mese di gennaio è il secondo risultato migliore per il cash game dopo quello di agosto 2011 che aveva raggiunto gli 894,1 milioni. Quello che deve far pensare è il contributo che dà il poker online al fisco rispetto a tutti gli altri giochi a distanza. Nel settore dell’e-gaming infatti le casse dello Stato si assicurano entrate pari a 18,4 milioni, di cui ben 7,5 milioni arrivano dal poker cash game e dai casinò online.

Le scommesse hanno in tutto prodotto 4,4 milioni e altri 4 milioni sono arrivati dai tornei del poker. Sono somme davvero anormali: il peso acquisito dal poker e dai casinò games coprono circa l’80 per cento della spesa degli italiani nel gioco su internet. Dopo il poker vi sono con percentuali bassissime le scommesse con l’8,2%, il Bingo con il 7,3% e con un solo punto di percentuale quelli più popolari come il Superenalotto, Win For Life e il Gratta e Vinci.

Un mercato quello del poker che continua dunque a rimanere in forte crescita rispetto agl’altri, aggiudicandosi il podio per i giochi più utilizzati su internet.