Premio Strega 2011: Storia Della Mia Gente, il libro di Edoardo Nesi

C_2_articolo_1014911_imagepp

“Storia della mia gente” di Edoardo Nesi, con 138 voti, e’ il nuovo vincitore del Premio Strega edizione 2011. Gia’ finalista del premio nel 2005 con “L’ età dell’oro”, nel romanzo vincitore racconta la sua Prato invasa dai cinesi e da’ voce all’illusione perduta del benessere diffuso in Italia.

Edoardo Nesi ha commentato la sua vittoria in questo modo “questo premio non va a me, ma a tutti quelli di cui parlo nel mio primo libro e alla mia città di Prato”. Storia della mia gente e’, in parte, autobiografica e Nesi descrive come lo tsunami orientale stia distruggendo il distretto industriale del tessile di Prato e cosa significa la caduta della piccola industria italiana di provincia e i licenziamenti di eserciti di persone. A metà tra il romanzo e il saggio, tra l’autobiografia e il trattato economico, Storia della mia gente, e’ soprattutto denuncia, dolore e rabbia per la brutalità e l’indifferenza di come sia stata spazzata via la realtà dei piccoli imprenditori che oggi sono solo un vago ricordo che non interessa più a nessuno, e per come l’inganno della globalizzazione abbia preso il suo posto.

Nesi che e’ stata anch’egli imprenditore tessile, originario di Prato, luogo dive e’ nato nel 1964, e’ convinto che sia compito degli intellettuali e della letteratura interpretare la realtà che ci circonda, come da sempre fanno gli artisti, i pittori. La guerra civile spagnola non sarebbe stata raccontata completamente senza la Guernica. Lo scrittore, come l’artista, deve cercare di capire cosa s prova ad essere parte, oggi, di una generazione di italiani che si trovano ad essere più poveri dei loro genitori.