Prezzi benzina: mai così cara

Il prezzo dei carburanti continua la sua corsa incessante e perpetua. Nuovi rincari in arrivo, che andranno a pesare, naturalmente, sulle tasche degli italiani. Il presidente di Federconsumatori, Rosario Trefiletti, e il presidente di Adusbef, Elio Lannutti, a questo proposito, hanno steso un comunicato. Nel comunicato appena citato si fa riferimento alle impennate del prezzo della benzina.

Basta dire che al Sud la benzina ha raggiunto la quota record di 1,67-1,68 euro al litro.
I carburanti, prima di ora,  non hanno mai registrato costi simili, neanche quando il prezzo del petrolio arrivò a 148 dollari al barile.

Secondo Trefiletti e Lannutti a suscitare indignazione, in tutta questa situazione, non è solo la corsa inammissibile dei costi dei carburanti, ma anche l’assoluta immobilità e indifferenza del Governo il quale, l’unica volta che si è deciso ad intervenire sulla questione, ha pensato bene di aumentare l’accisa sui carburanti, come se non fossero già abbastanza cari.

I carburanti, ormai, hanno registrato un aumento di 240 euro in più annui, una cifra che comincia a diventare importante per il cittadino medio.
Trefiletti e Lannutti, infine, concludono il loro comunicato con un attacco al Governo, che secondo loro si è trasformato di fatto nell’ottava sorella, grazie al contributo dei cittadini che, oltre a pagare i profitti della filiera petrolifera, alimentano anche le casse dello Stato tramite l’incremento della tassazione.

Per risolvere la situazione Trefiletti e Lannutti propongono due azioni per risolvere la situazione, o almeno per renderla più accetabile. L’applicazione dell’accisa mobile e l’avvio delle misure sottoscritte nell’accordo con la filiera petrolifera. Ora vedremo se il Governo accetterà i consigli.