Progetto: come finanziare il fotovoltaico

fotovoltaico

Il fotovoltaico da qualche anno, è considerato, sempre di più, un investimento sicuro, pulito e altamente redditizio, e, inoltre, ha un rendimento che va oltre i 20 anni, legati naturalmente all’incentivazione in conto energia.

L’ostacolo maggiore del fotovoltaico è, inutile negarlo, l’accesso al capitale iniziale. Molti cittadini, proprio per questo motivo, decidono di installare il fotovoltaico chiedendo innanzitutto un impianto chiavi in mano e una buona offerta finanziaria da parte delle banche, idonea per le famiglie.
La strada dei contributi statali è molto battuta e può essere percorsa in molti casi. Il finanziamento può avvenire tramite prestito ipotecario o chirografario con o senza garanzia reale; a tasso fisso o variabile; con addebito in conto corrente e rimborso mensile, trimestrale o semestrale; erogazione in un’unica soluzione o a stato avanzamento lavori. Insomma, tante possibilità.

Per ottenere il finanziamento, ricordiamo che in seguito dell’entrata in vigore del nuovo D.M. del 19.02.2007 è necessario far pervenire presso l’agenzia che si occupa dell’emissione del prestito una copia della domanda presentata al gestore della rete locale contenente: il progetto preliminare dell’impianto fotovoltaico con la scheda tecnica; il preventivo di spesa relativo ai costi da sostenere per la realizzazione dell’impianto; l’elenco dei vincoli e delle autorizzazioni del fabbricato interessato alla costruzione; la documentazione che provi la data di inizio lavori.