Robert Doisneau: il Logo Google… e la pesca!

800px-Hubble_heic0206j

Il 14 aprile del 1912 nasceva a Gentilly, in Francia, Robert Doisneau, artista che divenne tra i più importanti rappresentanti della fotografia umanista insieme a Willy Ronis e Edward Boubat.

Scomparso all’età di 82 anni a Montrouge, oggi riposa in pace nel cimitero di Raizeux. Per il 100° anniversario della sua nascita, il motore di ricerca Google gli ha dedicato un logotipo nella sua home page. Così facendo, milioni di persone avranno modo di conoscere meglio Robert Doisneau e le sue fotografie; di seguito trovate il nostro contributo, se avete altro da aggiungere o segnalarci siete i benvenuti!

Una carriera bellissima

I primi 27 anni della sua vita, Robert Doisneau li passò a studiare arti grafiche, storia dell’arte e fotografia presso la Ecole Estienne e altri importanti atenei della città di Gentilly. Durante gli studi lavorò come fotografo industriale presso le officine della Renault, e dagli anni ’40 in poi collaborò con diversi editori, prestando i suoi servizi fotografici a testate come “Le Point”, “Vogue”, “Excelsior”; Doisneau era anche uno scrittore e i suoi racconti venivano pubblicati sulle riviste “Point de vue” e “Paris Match”. Tra le sue collaborazioni più longeve c’è quella per l’agenzia Rapho.

Fu l’incontro con lo scrittore e giornalista Robert Giraud ad aprirgli le porte della dolce vita parigina. Doisneau riceve 12 importanti riconoscimenti artistici tra gli anni ’40 e ’70, e a Parigi divenne famoso per i suoi servizi di reportage dall’estero (Unione Sovietica, Usa, Jugoslavia). Tra le sue foto più belle, però, ci sono quelle dedicate ai sobborghi parigini, fotografie che scattò nel pieno boom della corrente artistica della fotografia umanista

Un fotografo umanista

La fotografia umanista sta alla memoria storica della Francia come il cinema neorealista sta a quella dell’Italia. Entrambi nascono dalla voglie di riconoscere un momento storico di ricostruzione, in pieno stile dopo-guerra, ed entrambi sono oggi dei punti di riferimento importanti per ricordare un preciso momento storico. La fotografia umanista francese, della quale Doisneau era uno dei principali rappresentavi, prestava però attenzione non tanto alle città, quanto ai soggetti che la abitavano, cercando di riflettere sia i piaceri semplici della vita quanto le difficoltà e le ingiustizie. La fotografia intitolata “Kiss by the Hotel de Ville”, datata 1950, è un ottimo esempio di quanto appena scritto.

Amante della pesca

Nelle biografie di Robert Doisneau si legge che egli aveva una passione per la pesca. Uno sport rilassante, che riconciliava il suo sguarda sulla natura e sui piaceri della vita. Gli ambienti “pescherecci” ispirarono alcune sue fotografie, come queste foto intitolate “Paris La Seine” e scattate su una imbarcazione, in direzione della Torre Eiffel posta sull’orizzonte, o in altri punti della città dove c’è la presenza del fiume. La fotografia “La Péchè a la Truite” è invece quella più liberamente ispirata dall’attività sportiva.

Collegamenti per vedere le sue foto online

I siti Internet www.robert-doisneau.com/ e http://www.masters-of-photography.com/D/doisneau/ sono due ottimi riferimenti per poter sfogliare online le più belle foto di Robert Doisneau. Buona visione!