Scandalo Bossi / Lega Nord: il “party finanziario” visto dall’estero

318px-Bossi2-1-

Lo scorso 5 aprile 2012 Umberto Bossi si è dimesso da segretario federale della Lega Nord, a seguito dell’inchiesta svolta dalle procure di Reggio Calabria, Napoli e Milano. Lo “scandalo” avrebbe riguardato la scoperta di una grossa quantità di denaro utilizzato dalla famiglia Bossi.

L’inchiesta era partita con delle intercettazioni telefoniche aventi per protagonisti la responsabile contabile, Nadia Dagrada, e il tesoriere leghista Francesco Belsito, intercettazioni che avrebbero fatto emergere un fascicolo chiamato “The Family” e riportanti proprio le spese di partito a favore della famiglia Bossi e alcuni trasferimenti di denaro all’estero (qui trovate maggiori informazioni).

Ad oggi si parla di “terremoto nella Lega”, con dimissioni che seguono a catena e ulteriori scoperte riguardanti illeciti finanziari svolti nel corso degli anni all’interno del partito.

La segreteria della Lega Nord al momento è presieduta da un triumvirato composto da Manuela Del Lago, Roberto Calderoli e Roberto Maroni. Non dovreste trovare difficoltà a rintracciare articoli di alcun genere presso quotidiani e siti Internet di informazione italiani. Di seguito, però, vi segnaliamo come la notizia dello scandalo Lega / Bossi sia stata riportata all’estero.

Leggete un pò: per l’International Business Times, l’Italia viene massacrata da questo scandalo, che molto probabilmente porterà a galla altre prove di corruzione per l’ex Governo Berlusconi. “It’s a shock to the system”, al quale forse il nostro Paese non era preparato. Impietose anche le parole del Washington Post, che ha parlato di “party finanziario” venuto a galla, di uno scandalo che metterà in seria difficoltà il Governo tecnico di Monti. “Tale Padre, Tale figlio“, scrive infine il quotidiano francese Le Point, che deride sul fatto che un importante esponente politico stava per diventare miliardiario sotto il naso di decine di milioni di italiani. Chi di voi è incredulo alzi la mano.