Scioperi: oggi stop scuole, ospedali e università

Mario_Monti_

Continuano gli scioperi. Tutti contro la manovra.

A fermarsi oggi saranno medici e dipendenti delle pubbliche amministrazioni: dalle scuole al pubblico impiego, dagli ospedali alle università. La giornata di stop è stata indetta dai sindacati Cgil, Cisl, Uil Funzione pubblica, Fisascat Cisl, Uil Pubblica amministrazione e Cisl Medici, per protestare contro la manovra finanziaria messa in atto dal Governo Monti. Un corteo pacifico di circa settecento lavoratori del pubblico impiego questa mattina attraverserà quindi le vie del centro cittadino, per protestare contro l’iniqua manovra Monti. Sono lavoratori con contratti che non vengono rinnovati da tempo e che dovranno pagare parecchie cose in più dopo la manovra pre-natalizia del governo tecnico. I medici e gli infermieri sciopereranno per 8 ore. A rischio quindi visite specialistiche, esami diagnostici e anche interventi chirurgici non urgenti. Garantite invece le attività di emergenza e di Pronto Soccorso. Gli uffici postali bloccheranno le attività nelle ultime 3 ore di fine turno mentre i dipendenti delle scuole termineranno il loro turno un’ora prima. L’università, i ricercatori e i colleghi dell’afam si fermeranno invece  per l’intera giornata. Lo sciopero arriva all’indomani di una manovra stilata dal Governo Monti che continua a non piacere ai sindacati che invece richiedono un cambio radicale della manovra nel segno dell’equità. Nella giornata di oggi sono anche previste manifestazioni e sit-in in tutta Italia come quello organizzato dalle 9.30 alle 12.30 a Roma in piazza Montecitorio, a cui saranno presenti i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil e Ugl.

La mobilitazione comincia oggi ma proseguirà per tutta la settimana prenatalizia, fino a venerdì. E secondo me diventerà quasi la quotidianeità dei giorni del prossimo anno, se Monti continua a non far nulla per cambiarla.