Scontri Londra agosto 2011: danni milionari alle attività commerciali

guerriglia-urbana-Londra

Notte tranquilla, se così si può dire, a Londra e ora si contano i danni di quelle trascorse tra violenza  e razzie. Danni che ammontano finora a 100 milioni di sterline e a pagare non saranno le centinaia di arrestati ma la polizia e di conseguenza i contribuenti. È quanto scrive il Guardian citando una legge del 1886, il “Riots Damage Acti”, secondo cui la polizia è oggettivamente responsabile per non essere riuscita a bloccare le violenze.

 

Scende la pioggia a Londra, goccia dopo goccia, l’acqua sembra voler pulire, purificare, strade ed aria. Complice il tempo e l’imponente spiegamento di forze, messo in campo dal premier David Cameron che ha dato il via alla «linea dura» contro violenze e saccheggi, la tensione sembra essersi allentata. Rimane alta invece in altre città britanniche. Mentre ritornando alla notte scorsa, vi sono stati scontri nella capitale fra la polizia e circa 200 giovani dell’estrema destra che per la seconda notte successiva si erano schierati in strada dicendo di voler proteggere la comunità locale dalle violenze. Gli scontri sono avvenuti nel quartiere meridionale di Eltham Hill, dove alcuni partecipanti a questa particolare ronda british, hanno lanciato bottiglie contro gli agenti urlando slogan a favore del gruppo di estrema destra English Defence League.

 

L’ultimo bilancio, secondo la Bbc, è di 888 persone arrestate e 371 incriminate solo a Londra, dove sono stati schierati 16 mila poliziotti. Più di 300 persone sono state inoltre arrestate nel West Midlands e altre 100 a Manchester e Salford. Previsto per oggi l’intervento di Cameron alla camera dei comuni, una prova che si annuncia difficile per il primo ministro, soprattutto dopo le polemiche per la risposta lenta e macchinosa delle autorità, oltre agli attacchi personali per non aver interrotto le vacanze in Toscana ai primi fuochi della rivolta. Per Londra non è il primo incendio, la città è già sopravvissuta altre volte a fiamme ben peggiori, come la migliore delle fenici sa elegantemente risorgere dalle sue ceneri, ma la politica questa volta non si salverà altrettanto facilmente.