Scoppio centrale nucleare Francia, si stimano i danni

scoppio nucleare francia

Una centrale nucleare è esplosa oggi alle 13:00 circa in Francia in seguito al divamparsi di un incendio nel sito di stoccaggio dei rifiuti radioattivi. La località esatta è quella di Marcoule (Gard), nel sud della Francia, a circa 240 km di distanza da Torino.

Il portavoce del Commissariato dell’Energia Atomica ha riferito che i pompieri hanno isolato la centrale e che si controllano costantemente fughe di radiazioni che al momento, pare, dovrebbero non arrivare all’estero. Le scorie radioattive fuse nella centrale della nucleare di Marcoule sono state analizzate e hanno fatto rilevare una attività radioattiva molto debole. In Liguria, dove la città di Genova dista circa 340 km dal luogo dell’esplosione, è scattata l’emergenza della Protezione Civile.

Nelle tarde ore del pomeriggio il Governo francese ha confermato “nessuna fuga verso i Paesi esteri”. Nello scoppio della centrale nucleare in Francia è morta una persona e altre sono rimaste gravemente ferite. L’esplosione, più precisamente, non è avvenuta nella centrale nucleare, ma in un suo sito di stoccaggio di rifiuti radioattivi, che hanno una bassissima densità radioattiva. Ogni centrale nucleare produce circa 4.000 metri cubi di rifiuti radioattivi ad alta attività, cifra irrisoria a fronte delle centinaia di milioni di rifiuti industriali anche tossici che vengono prodotte.

Il Governo di Sarkozy adesso stima i danni provocati: si è lontani dai 170 miliardi di euro che hanno provocato le esplosioni di Fukushima la scorsa estate, la riparazione del sito di stoccaggio però potrebbe costare svariati milioni di euro ai quali vanno aggiunti i danni ambientali e civili e i costi degli interventi di emergenza sul sito dell’incidente. La centrale Marcoule nasceva nel 1969 dall’impianto surgeneratore di Phoenix. Costata 5 anni di lavoro e un ammontare di denaro che oggi corrisponderebbero a 562 milioni di euro, la centrale non è nuova a incidenti strutturali, se ne contano infatti 11 tra il 1990 e il 2009.