Scuola di Alta Formazione in Economia a Napoli

alta formazione

Chi pensa che al sud non ci sia la volontà di crescita culturale ed economica, si sbaglia di grosso. E’ proprio dal sud, da quel sud considerato ai margini, per certi recenti avvenimenti, che arriva l’importante inizativa. E’ la Napoli che vuole dare un segnale forte, ai giovani soprattutto, ma anche allo Stato e, perchè no, al mondo intero.
E’ a Napoli infatti che nascerà una scuola di alta formazione in Economia, volta soprattutto a scoprire, far crescere e valorizzare tutte le eccellenze in ambito economico della regione Campania.

Il progetto è di quelli seri, fresco di firma del presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro e del presidente del Comitato dei rettori delle università campane, Filippo Bencardino che si impegnano a seguire il protocollo “con il quale ci candidiamo ad avere una struttura stabile, riconosciuta a livello nazionale” -come dichiara lo stesso Caldoro-. Il protocollo in questione, che porterà alla realizzazione del progetto, inizierà la sua operatività dal mese di novembre 2011 e vedrà un investimento da parte della Regione di tre milioni di euro che andranno a coprire le spese per il master, i dottorati e le borse di studio post dottorato.
I corsi si svolgeranno in inglese e vi saranno ammesse “solo persone che hanno un altissimo profilo”, come spiega Guido Trombetti, assessore regionale all’Università che aggiunge: “Ho un sogno, costituire in citta’ una ‘Naples School of Economy'”.
Ma la dichiarazione finale spetta al presidente del Comitato dei rettori delle università, Bencardino, che seppur galvanizzato dal sostegno al progetto e in attesa che vengano realizzati gli obiettivi descritti dal protocollo, lancia un messaggio diretto: “Speriamo che il Ministero sostegna questa iniziativa non soltanto dal punto di vista morale”.