Serie A: per il Milan uno scudetto “milionario”

Il diciottesimo scudetto della storia rossonera, l’ottavo da quando Silvio Berlusconi è presidente, sta per essere cucito sulla maglia del Milan.
Uno scudetto che mancava da qualche anno e che viene dopo cinque anni di egemonia interista.

Allegri, con realismo, vuole prendersi stasera lo scudetto e poi partire alla volta di Palermo e conquistare la finale di Coppia Italia.

La finale di Coppa che potrebbe vedere il Milan contro l’Inter per la terza sfida in un anno, alemeno sulla carta, non solo non è snobbata, ma a questo punto, con lo scudetto a portata di mano, è divenuta un obiettivo serio.

Allegri sa che sarà molto difficile affrontare la partita di stasera, perché la Roma adesso è vicinissima alla Lazio e vede la possibilità di arrivare ai preliminari di Champions League.

Un pensiero il tecnico del Milan lo dedica anche a Totti, che secondo Allegri in queste condizioni è una brutta rogna per il Milan.

Se il Milan vincerà lo scudetto, mettendo per un attimo da parte la scaramanzia, i saloni dell’hotel Parco dei Principi risuoneranno dell’euforia e dei brindisi dei rossoneri che resteranno a Roma fino a lunedì quando voleranno a Palermo.

Allegri ha voluto in questa trasferta tutti i giocatori anche gli indisponibili perché se festa sarà, non deve mancare nessuno.

Il pullman scoperto, già prenotato, dovrà invece aspettare, la sfilata per le strade di Milano è prevista solo dopo la Coppa Italia.

Insomma, è tutto pronto per lo scudetto. Scudetto che oltre al prestigio meramente sportivo, avrà anche una risonanza importante per le casse rossonere.

Certo, bisognerà pagare i bonus ai calciatori e allo staff, ma in compenso il Milan avrà un incremento significativo degli introiti, partendo dalla qualificazione in champions league, dai diritti tv e soprattutto dalle entrate degli sponsor.