Soldi per il Giappone: come donare denaro per il terremoto nucleare 2011

bandiera-giappone

La tragedia che ha sconvolto il Giappone lo scorso 11 marzo, purtroppo, ha ferito profondamente il popolo nipponico. Non solo i danni tremendi del sisma e del successivo tsunami, ma anche le conseguenze della crisi nucleare.

Per fortuna il mondo intero si è mobilitato per dare una mano al fiero e orgoglioso popolo giapponese.
Ecco alcuni modi per aiutare un paese in difficoltà  attraverso la rete.

Donazioni possono essere inoltrate tramite:American Red Cross; Canpan Fields; Save the Children; International Medical Corps;World Vision. Questi naturalmente sono soltanto alcuni, forse i maggiori siti dove è possibile effettuare delle donazioni. Ma il web è pieno zeppo di siti che permettono ciò.

E’ possibile inoltrare delle donazioni anche attraverso iTunes.
Moltissime sono poi le iniziative volte al sostegno del popolo giapponese. Per chi apprezza, ad esempio, è  possibile comprare un braccialetto appositamente creato da Lady Gaga a partire da 5 dollari. Tutti i proventi saranno destinati alle vittime dell’emergenza.

Oppure, sempre per aiutare la popolazione colpita da terremoto e tsunami, prima di essere travolta dall’ incubo nucleare, Alessandro Del Piero, capitano della Juventus ha presentato il progetto “Ale10FriendsforJapan”, sostenuto dal console generale del Giappone Shigemi Jomori.

Andando sul sito dedicato www.ale10friendsforjapan.org, è possibile acquistare a 15 euro la t-shirt ideata da Del Piero che vede la bandiera italiana con al suo interno quella del Giappone, con un ideogramma che significa “amicizia”.

Inutile dire che i proventi sono interamente destinati al Giappone.
Chiudiamo con le iniziative proposte da Facebook per il Giappone. Attraverso la pagina Global Disaster Relief on Facebook è possibile seguire tutti gli aggiornamenti sulla situazione degli aiuti e sulle diverse campagne messe in atto a livello mondiale.

L’iscrizione alla pagina Dog Bless You equivale a una donazione di un dollaro da parte della National Disaster Search Dog Foundation. L’obiettivo è raccogliere 100 mila dollari per inviare team di soccorso in Giappone.