Spa: Fiat acquista un ulteriore 3,3 per cento di Chrysler

FIAT

La Fiat ha deciso di esercitare l’opzione di acquisto da Veba su una quota del 3,3 per cento di Chrysler. In questo modo è salita al 61,8 per cento del capitale del gruppo statunitense. E’ quanto afferma un comunicato secondo cui il perfezionamento dell’operazione avverrà nelle prossime settimane.
Si legge nel comunicato che il gruppo del Lingotto ha comunicato a Veba la volontà di esercitare la sua opzione di acquistare una parte della partecipazione detenuta appunto nella casa automobilistica di Detroit.
Si tratta della  1ª parte del capitale di Chrysler oggetto dell’opzione e si riferisce a circa il 3,3 per cento del capitale della marca a stelle e strisce. Fiat nel complesso potrà acquistare il 3,3 per cento delle azioni controllate dai sindacati ogni 6 mesi fino al 2016. Se il gruppo di Torino esercitasse sempre l’opzione salirebbe fino all’88,2 per cento del capitale prima di lanciare l’eventuale Opa finale.
Il Lingotto pagherà un prezzo di esercizio determinato secondo gli accordi tra le parti sulla base di un multiplo di mercato (che non sia eccedente il multiplo di Fiat) applicato all’Ebitda di Chrysler degli ultimi 4 trimestri, meno il debito industriale netto. Dopo il perfezionamento dell’acquisto, atteso come detto nelle prossime settimane, il gruppo italiano deterrà il 61,8 per cento del capitale di quello di Detroit.
Tutto questo mentre il mercato auto va a picco nel mese di giugno in Italia: le vendite hanno fatto segnare un meno 24,42 per cento. Vale a dire solo 128.388 autovetture vendute, contro le 169.870 del giugno dell’anno prima (nel mese di maggio 2012 sono state invece immatricolate 147.707 macchine con una variazione di -13,90 per cento rispetto a maggio del 2011, durante il quale ne furono immatricolate 171.558).