Spa: crescono le entrate ma anche le perdite operative per Amazon

Amazon-logo

Le deboli attese degli esperti per Amazon  sono state rispettate nel 2° trimestre 2012  per quel che riguarda gli utili. Il gigante di Seattle ha avuto profitti per 7 milioni di dollari Usa, 1 centesimo per azione, in forte ribasso rispetto ai 191 milioni di euro, 41 centesimi di dollaro Usa per azione, del 2011.
Il fatturato celebre azienda di vendite on line è aumentato del 29 per cento a 12,8 miliardi di dollari Usa dai 9,91 miliardi  di dollari Usa dello stesso periodo del 2011, quanto gli analisti si attendevano.
Le vendite del  “digitale” (come gli e-book per il Kindle, musica e film) sono aumentate del 13 per cento a 4,12 miliardi di dollari Usa. L’elettronica di consumo ha segnato un corposo +38 per cento a 8,16 miliardi di dollari Usa.
Amazon ha dato la colpa della debolezza dei suoi conti all’acquisizione di Kiva Systems, società specializzata nella tecnologia impiegata nei magazzini, per 775 milioni di dollari Usa. Nel 3° trimestre Amazon si aspetta di registrare una perdita operativa di 50 milioni di dollari Usa e una crescita delle entrate tra il 19 e il 31 rispetto al 2011.
Vale la pena ricordare che Amazon.com, Inc.  è  stata tra le prime grandi compagnie a vendere merci su Internet. Nel 2003 raggiunse per la 1ª volta un guadagno su base annua. Amazon possiede anche Alexa Internet, A9.com, e Internet Movie Database (IMDb).
Fondata con il nome di Cadabra.com da Jeff Bezos nel 1994 e lanciata nel 1995, Amazon.com ha iniziato come libreria online, sebbene presto ha allargato la gamma dei prodotti venduti a prodotti elettronici, software, DVD, CD musicali, mobilio, videogiochi, abbigliamento, cibo, giocattoli e altro ancora. Amazon ha creato poi altri siti in Canada, Austria, Francia, Regno Unito, Germania, Italia, Spagna, Cina e Giappone e spedisce i suoi prodotti in tutto il mondo.