Spa: Adidas si rifinanzia e macina utili record

562px-Adidas_Logo.svg

Adidas ha appena rifinanziato una sua linea di credito revolving dal valore di 500 milioni di euro a fronte della quale pagherà un interesse pari solo allo 0,4 per cento in più del tasso interbancario, vale a dire pochissimo anche perché i tassi adesso sono davvero ai minimi.
Vale a dire che quando sei il 2° produttore al mondo di abbigliamento sportivo, e per giunta allemanno, accedere al mercato dei credito non è davvero un problema.
Il marchio, guidato da Herbert Hainer, continua sformare utili e a dispetto della crisi economica. Nel 2012 si stima che aumenterà le vendite del 10 per cento rispetto ai 13,3 milioni di euro realizzati l’anno scorso (quanto i ricavi erano cresciuti dell’11 per cento!).
E gli Europei di calcio stanno facendo da ulteriore traino per il gruppo allemanno, che è molto forte nel calcio. Nel 2012 solo da magliette, scarpe e gli accessori legati al football, la casa tedesca conta di realizzare vendite record pari a 1,6 miliardi di euro.
Ma anche le olimpiadi di Londra, dovrebbero essere un volano importante. Adidas stima che i giochi inglesi riusciranno a far vendere al gruppo 100 milioni di euro di fatturato in più. Del resto Stella McCartney, che per Adidas produce una sua linea di abbigliamento sportivo, è la stilista britannica scelta per disegnare le divise della sua nazionale.
Vale la pena ricordare che l’ Adidas fu fondata ufficialmente nel 1948 da Adolf “Adi” Dassler, fratello di Rudolf Dassler fondatore della Puma, che la battezzò con il suo soprannome e una parte del cognome (Adi e Dassler).