Spa: Air France vuole tagliare oltre 5mila posti entro il prossimo anno

Air_France_Boeing_777-200ER_F-GSPP

Taglierà 5.122 posti entro la fine del del prossimo anno la compagnia aerea francese Air France, che è azionista di Alitalia, nell’ambito del suo piano di riassetto a medio termine. Nel dettaglio 1.500 uscite riguarderanno steward ed hostess. Il vettore d’oltralpe precisa, però, che non ci saranno licenziamenti forzati, ma solo un blocco del turnover (usciranno circa 1.700 persone che non verranno sostituite) insieme ad altre forme di risoluzioni consensuali del rapporto di lavoro. Sulla vicenda sono in corso trattative con i sindacati di settore.
Oltre le partenze naturali non rimpiazzate, che coinvolgeranno 2.056 dipendenti tra il personale di terra, 212 piloti e 904 tra il personale a bordo commerciale, Air France tenterà per quanto possibile di trovare come sopra accennato degli accordi. Ai sindacati di settore saranno proposti misure di suddivisione del tempo di lavoro per il parsonale di bordo e i piloti, incentivi al prepensionamento, o all’uscita volontaria dall’azienda incentivi per il passaggio al part time.
Precisa Air France che se non si riuscisse a trovare un accordo su queste misure con le parti sociali: «I licenziamenti coatti non potranno essere evitati a partire dalla seconda parte del 2013 per tener conto della necessaria riduzione dell’attività e delle chiusure di alcune rotte, previste dal piano di riassetto a breve termine».
Sottolinea ancora il vettore francese che l’obiettivo complessivo dell’azienda,  è di: «Aumentare, entro fine 2014, l’efficienza economica del 20 per cento attraverso una limitazione dell’evoluzione della massa salariale, un aumento e una maggiore efficacia del tempo di lavoro, un non rimpiazzo delle uscite e un miglioramento dei processi».