Spa: Carlyle fa shopping in Italia e compra Twin-Set

twinset_sito_dentro

Il gigante britannico dei fondi di private equity, Carlyle si compra un po’ di Made in Italy. Dopo avere acquisto, per poi rivenderla,  una quota di Moncler, il gruppo ha comprato il 70 per cento di Twin-Set, marchio di abbigliamento disegnato da Simona Barbieri che resterà comunque azionista insieme a Tiziano Sgarbi, suo marito.
Al finanziamento hanno partecipato Mps, Unicredit, Intesa Sanpaolo, Latham & Watkins ha fatto da consulente legale al fianco di Calryle. Twin-Set possiede sedici negozi monomarca (quelli che ora vanno per la maggiore), e ora che conta su un azionista di dimensioni importanti potrà espandere il fatturato e la sua rete distributiva.
L’azienda venduta, che ha sede a Carpi (in provincia di Modena) e dà lavoro a 300 persone, non era particolarmente indebitata, ma per fare il salto dimensionale e pensare a una futura quotazione in borsa necessitava di un partner finanziario in grado di supportare la crescita a livello europeo.
Twin-Set ha chiuso lo scorso anno con 103 milioni di euro di ricavi (vale a dire +400 per cento rispetto al 2010) e si appresta a chiudere quest’anno con un aumento delle vendite a doppia cifra.
Calryle, che per rilevare il controllo della società ha pagato un multiplo di 7,5 volte il margine lordo (per una valutazione complessiva di 300 milioni di euro), avrebbe intenzione di fare una serie di investimenti nella distribuzione e nella produzione per far crescere Twin-Set.
Nei piani del gruppo anglossassone previste acquisizioni di nuovi marchi, mentre è programamta una brand extension sulla stregua di quanto fatto con i vestiti da bambini e i costumi da mare.