Spa: Cavalli fa un pensierino sulla sua quotazione in borsa

Roberto Cavalli

Il celebre stilista Roberto Cavalli sta pensando di di quotare il suo brand in borsa. Ha infatti affermato che si tratta di: “un’opzione molto valida”. Si tratta di un cambiamento di rotta visto che lo stilista aveva rifiutato tanti potenziali acquirenti.
Lo ha dichiarato, durante il World retail forum, in un’intervista a Londra Gianluca Brozzetti, il manager del gruppo fiorentino della moda, .
L’amministratore delegato del marchio italiano ha citato non a caso i casi di successo di Ferragamo, Prada, Cucinelli… Un panorama positivo e non preoccupano le previsioni di un ribasso come quello annunciato da Burberry, al riguardo ha detto Brozzetti: «Niente panico il fatto che una società non riesca a centrare i target non significa che il mercato del lusso stia andando male. Siamo in un’industria che sta andando decisamente bene e probabilmente un rallentamento è anche un bene perché certi livelli di crescita sono davvero difficili da sostenere nel lungo periodo».
Roberto Cavalli ha una “lunga fila” di potenziali compratori che bussano alla sua porta. Ma società ritiene che questo non sia un momento opportuno per fare acquisizioni ed è “totalmente concentrata sulla crescita” per linee interne. Anche se pesa la dura situazione del nostro Paese: «L’Italia – chiosa Brozzetti – è in un momento davvero difficile ma noi dobbiamo restare perché le nostre società in Italia sono principalmente orientate all’export e tutto il nostro brand e la nostra immagine sono radicate nel nostro paese». Insomma il made in Italy, ha senso e vale solo se è davvero prodotto nel Belpaese.