Spa: continua il profondo rosso delle vendite Fiat nella UE

Presentazione FIAT 500

Continua il calo del mercato dell’automobile nel Vecchio Continente. Secondo i dati diffusi dall’Acea, l’Associazione che riunisce i costruttori europei – lo scorso mese nei 27 Paesi Ue+Efta sono stati immatricolate 1.058.348 vetture, in flessione del 6,5 per cento rispetto alle 1.132.172 del 2011.
A marzo la diminuzione era stata del 6,6 per cento. Nei primi 4 mesi dell’anno sono state immatricolata 4.487.798 unità, un -7,1 per cento rispetto ai 4.829.116 dello stesso periodo dello scorso anno. Nei soli 27 Paesi dell’UE, le consegne sono calate del 6,9 per cento
Continua ad andare molto male anche il gruppo Fiat con immatricolazioni scese dell’11,3 per cento annuo a 75.462 unità, per una quota di mercato in flessione al 7,1 per cento dal 7,5 per cento dello stesso mese dello scorso anno, ma in netto recupero nel confronto il 5,4 per cento di marzo di quest’anno.
Nei soli 27 Paesi dell’Ue la flessione è stata dell’11,5 per cento e la quota è passata dal 7,6 per cento al 7,3 per cento. Nei primi quattro mesi dell’anno la quota di mercato del Lingotto nel Vecchio Continente è al 6,5 per cento, in calo rispetto al 7,4 per cento segnato nello stesso periodo del 2011.
Riguardo ai singoli marchi del gruppo italiano, vediamo di dati di aprile di quest’anno nel Vecchio Continente: Alfa Romeo è scesa del 31,3 per cento a 8.704 vetture (contro le 12.669 di aprile 2011), Fiat ha segnato un calo del 10,9 per cento a 54.554 unità (erano 61.201 un anno fa). In controtendenza Lancia/Chrysler e Jeep, che ad aprile hanno venduto rispettivamente 9.342 unità, in crescita dell’8,1 per cento rispetto alle 8.645 del 2011, e 2.308 unità, in progresso del 31,9 per cento sulle 1.750 registrate ad aprile dello scorso anno.