Spa: e ora l’Oreal vuole sbaragliare la concorrenza

Logo_Loreal_Paris

L’Oreal con il vento in poppa. infatti il brand francese di trucchi e profumi vende 3 volte in più della media del settore della bellezza e della cura personale.
L’Oreal punta a sbaragliare la concorrenza di altri giganti mondiali comela statunitense Procter & Gamble. Tra aprile e lo scorso mese i ricavi della società, capitanata da Jean Paul Agon, sono cresciuti dell’11,6 per cento a 5,57 miliardi di euro, più delle attese degli esperti e quasi tre volte l’andamento medio del settore (un +4 per cento a livello globale). Da notare che senza le acquisizoni e a parità di cambi, l’aumento darebbe stato del 5,7 per cento.
Nel semestre gennaio-giugno il fatturato di L’Oreal è invece salito del 10,5 per cento a 11,2 miliardi di euro, superando gli obiettivi forniti dalla stessa società. La forza del gruppo è di operare nell’alto di gamma della cosmesi (creme, profumi, trucchi), ma di avere anche una solida base di largo consumo.
Il colosso d’oltralpe è  cresciuto in tutti i mercati, compresa nell’Europa occidentale (dove ha ottenuto un +1,5 per cento), anche se l’incremento maggiore arriva dai Paesi del Medio Oriente e dell’Asia. Ha detto al riguardo il presidente Agon: «Abbiamo visto un lieve rallentamento dell’alto di gamma in Cina e negli Usa ma la nostra diversificazione geografica e la crescita di nuovi mercati come il Medio Oriente, e l’Africa ci rende molto  ottimisti per il futuro».
I mercati emergenti rappresentano il volano della crescita delle aziende del lusso, come dimostrano Lvmh e Ppr che continuano ad andare alla grande grazie alla Cina.