Spa: Fiat punta su Opel, ma si allungano i tempi di fusione Cnh-FI

Presentazione FIAT 500

Fiat punta su Opel. Il Lingotto vorrebbe avviare un negoziato con General Motors per la cessione della divisione del Vecchio Continente. Ma ora c’è un ostacolo in più, vale a dire la firma a inizio del 2012 dell’alleanza fra Gm e Psa Peugeot, con l’acquisto del 7 per cento dell’azienda francese.
Marchionne vorrebbe ottenere Opel a costo zero, come fatto per la 1ª quota di Chrysler. Il progetto, non ancora presentato formalmente a Gm, ha come premessa che prima si sciolgano i rapporti fra statunitensi e tedeschi da un lato e francesi dall’altro. E che Gm abbandoni i tentativi di risanare Opel.
Inntanto Fiat Industrial soffre in Borsa per i timori legati ad un possibile slittamento dell’annunciata fusione con Cnh. La performance, in controtendenza rispetto agli indici e alle società legate al mondo dell’auto, si spiega con i rumors circa un ritardo nell’operazione Fiat Industrial – Cnh.
Gli amministratori indipendenti della società statunitense, controllata dalla stessa Fiat Industrial, hanno espresso riserve sul concambio per il merger (3,9 azioni Fiat Industrial per ogni Cnh) e questo potrebbe allungare i tempi per rendere operativa la fusione rispetto a fine 2012.
Scrive Equita Sim: “La notizia non è positiva per Fiat Industrial, ma riteniamo che ci sia la possibilità di un miglioramento dell’offerta a nostra stima basata su un ratio 4 a 1 porta ad un effetto positivo del 2/3 per cento sugli utili per azione (5/6 per cento post sinergie), in caso di un ratio più favorevole per le minoranze Cnh (12 per cento del capitale) l’operazione sarebbe neutrale sugli utili per azione e leggermente accrescitiva post sinergie”.
Segnala Intermonte: “Non si tratta di una sorpresa in quanto l’independent commitee di Cnh chiamato ad esprimersi sul concambio sta impiegando più tempo del previsto i tempi tecnici per chiamare l’assemblea e il periodo di recesso, spostano la finalizzazione al primo trimestre 2013. Ai prezzi attuali il concambio è tornato ai livelli indicati inizialmente dal management (cioè circa 3,9). Non escludiamo possa essere più favorevole per cnh con un limitato effetto diluitivi sull’eps di Fiat Industrial”.