Spa: i grandi brand della moda attirati dalla borsa

Logo_Prada

Nonostante la terribile crisi economica le società dell’alto di gamma nel mondo della moda hanno fatto registrare fatturati e utili in crescita. Un dato significativo di questo 2011 è stata la voglia di quotarsi in borsa, pur a fronte delle potenti turbolenze dei mercati. Una tendenza che dovrebbe continuare anche nel 2012, infatti una folta pattuglia di società ha fatto domanda (o potrebbe farla) per sbarcare su i vari listini mondiali.
Nel 2011 le griffe più famose a sbarcare in Borsa sono state Michael Kors (New York) Prada (Hong Kong), Ferragamo (Milano). Le debuttanti del prossimo anno sono invece il cachemire di Brunello Cucinelli (Milano), le valigie di Tumi (New York), il gioielliere inglese Graff Diamonds (Hong Kong) e per fine anno (o forse all’inizio del 2013) anche Gilt Groupe, un marchio noto per vendere abbigliamento e accessori su internet dovrebbe quotarsi a Wall Street.
Ma anche un altro gruppo di nomi legati alla moda e al lusso potrebbero decidere a breve di quotarsi. Tra questi, i più noti sono due brand controllati da private equity, che in realtà starebbero pensando di ritornare sul mercato: vale a dire le moto della Ducati, ritirate da Piazza Affari nel 2007 e che ora vorrebbero sbarcare a Hong Kong, e i grandi magazzini Neiman Marcus, acquistati da Tpg nel 2005 per 5,1 miliardi di dollari. Per quel che concerne l’andamento di queste matricole del lusso: mentre Ferragamo e Kors viaggiano ampiamente sopra il prezzo di collocamento, Prada vale circa un quinto in meno rispetto al prezzo di collocamento sul listino cinese.