Spa: il gruppo Hermès festeggia due anni di grandi risultati

188px-Logo_Hermes.svg

Uno dei più grandi brand francesi della moda festaggia alla grande. Gli utili del gruppo Hermès infatti in 2 anni sono più che raddoppiati, passando dai 288 milioni di euro del 2009, ai 594,3 milioni di euro di profitti registrati nel corso dello scorso anno.
Quello 2011 è un risultato assai positivo, su cui ha influito anche la plusvalenza relativa alla cessione della partecipazione in Jean-Paul Gaultier, venduta a Puig, il gruppo dei cosmetici spagnoli .
Mentre gli utili dello scorso anno sono saliti del 40,9 per cento, i ricavi sono aumentati del 18,3 per cento a 2,84 miliardi. Ma l’incremento più significativo è stato quello registrato dal margine operativo, salito a quota 885,2 milioni di euro (un +32,5 per cento) e pari al 31,2 per cento delle vendite, si tratta della migliore performance registrata dall’ingresso in Borsa del brand nel 1993.
Visti questi risultati, Hermès proporrà in assemblea la distribuzione di un dividendo ordinario di 2 euro, e anche una una cedola straordinaria di 5 euro per azione.
L’extra dividendo servirà a pagare la famiglia Dumas, che ha da poco riunito le forze facendo confluire tutte le partecipazione nell’azienda nella holding H51, che vuole ostacolare la scalata del gigante del lusso di Bernard Arnault, Lvmh.
Con i 7 euro del dividendo dello scorso anno, gli eredi di Hermès potranno comprare ancora qualche azione della maison (anche se ormai il flottante è inferiore al 10 per cento del capitale), oppure continuare a credere nell’avventura del gruppo, senza cedere alla tentazione di vendere azioni a Lvmh, che tra derivati e titoli ha già il 22 per cento del brand.