Spa: il Manchester United bussa a soldi alla Nike

Manchester_United

Il Manchester United vorrebbe rivedere il suo contratto con la Nike, suo sponsor bussando a più soldi. La grande società inglese ha anche chiuso di recente un importante affare con la General Motors, che consentirà alla Chevrolet di comparire sulle divise dei Red Devils in esclusiva al modico prezzo di 559 milioni dollari Usa.
L’intesa fra la casa automobilistica di Detroit e il club di Rooney, che era stata annunciata quest’estate, prevede una sponsorizzazione per 7 anni, a partire dalla stagione 2014/2015, più 37 milioni di dollari Usa per le stagione in corso e per quella 2013/2014. Secondo il team inglese, grazie a questo accordo, i ricavi cresceranno del 120 per cento rispetto a quanto finora incassato con l’attuale sponsor Aon.
Ora il celebre club vorrebbe ora pressare su Nike che, con un contratto di 303 milioni di sterline, ha il controllo completo del merchandising del team. Ha detto al riguardo Ed Woodward durante la conferenza stampa per la presentazione del bilancio del club: «Ci sono stati molti cambiamenti nel mondo del calcio da quando fu negoziato quell’affare nel 2001. Noi continuiamo a credere che ci sarà un’opportunità di adeguare il nostro accordo con Nike ai prezzi di mercato». L’attuale contratto fra lo United e Nike prevede un minimo garantito, a cui si somma il ricavo generato dalle vendite al dettaglio diviso al 50 per cento.
E le maglie della squadra di Premiere League sono fra le più vendute del marchio del “baffo”, alla pari di quelle del Barcellona. Quella di Wayne Rooney è stata quella più venduta in assoluto nella storia del campionato inglese. Non è ancora chiaro se la Nike sia disposta a spendere in più, ma per il presidente del marchio a stelle e strisce, Charlie Denson, sarà compito del club “creare domanda per i suoi prodotti”. Per farlo bisogna tornare a vincere tanto e ad affiliare sempre più tifosi disposti a spendere per indossare la maglia di un fuoriclasse”.