Spa: il mercato premia di conti di Telecom Italia Media (grazie a La7)

Immagine-18-732197-1-

E’ stato un 2011 soddisfacente per Telecom Italia Media. La società ha pubblicato i conti preliminari dello scorso anno: ricavi in calo del 7,9 per cento a 238,2 milioni di euro, un ebitda di 28 milioni di euro rispetto ai 13,2 del 2010 e un ebit negativo per 30,7 milioni  di euro (-46 milioni nel 2010).
In termini comparabili l’ebit si è attestato a -51,2 milioni di euro. L’indebitamento è salito a 138,7 milioni di euro (115,5 milioni di euro nel 2010).
E il mercato ha preso atto della progressione dei margini che sono risultati in linea con il piano industriale dello scorso anno. Per il prossimo anno la società punta a un ebitda pari al 22-25 per cento dei ricavi, lo scorso anno è arrivato all’11 per cento, mentre gli investimenti sono pari a 61,4 milioni di euro a fronte dei 180 milioni di euro previsti nel triennio.
A trainare la marginalità del gruppo è soprattutto la raccolta pubblicitaria lorda registrata dai canali La7, che è cresciuta del 32,1 per cento nellos corso anno e del 35 per cento nei primi due mesi del 2012. Nel dettaglio, i ricavi di La7 si sono attestati a 139,9 milioni di euro (un +21 per cento), l’audience media giornaliera ha raggiunto il 3,85 per cento, con un incremento del 24,6 per cento rispetto all’anno prima. L’ebitda è stato pari a -1,5 milioni di euro dai -35,6 milioni di euro del 2010 e l’ebit a -29 milioni dai -63 milioni di euro. Al netto dei proventi straordinari l’ebitda si sarebbe attestato a quota -22 milioni, in crescita del 38 per cento e con un incidenza sul fatturato passata dal -30 per cento del 2010 al -15 per cento del 2011o.