Spa: la Bmw prevede un 2012 da record

300px-Logo_della_BMW.svg

Auto e moto a tutta velocità quelle delle casa tedesca Bmw e non parliamo solo della velocità su strada… Per il gruppo i risultati del 2011 sono stati da incorniciare: Bmw ha infatti segnato un utile netto record a 4,9 miliardi di euro (un +51,3 per cento) su un fatturato di 68,8 miliardi di euro (da 68,1 miliardi dell’anno prima).
La casa di Monaco lo comunica spiegando la buona performance ottenuta grazie a un record di vendite. Così il gruppo, forte di questo trend,  proporrà all’assemblea degli azionisti un aumento dei dividendi delle azioni ordinarie e privilegiate di 1 euro rispettivamente a 2,30 e 2,32 euro (da 1,30 e 1,32 nel 2010).
Le vendite di Bmw sono lievitate del 14 per cento a quasi 1,67 milioni di unità l’anno scorso, questo ha permesso alla casa di Monaco di Baviera di mantenere il primato mondiale nel suo segmento di mercato, grazie soprattutto alle buone performance registrate in Cina e Stati uniti. Guardando all’attuale stagione Bmw prevede “un continuo sviluppo positivo grazie alla sua gamma di prodotti”.
Norbert Reithofer, il presidente del consiglio di gestione,  ha aggiunto che le vendite dello scorso anno saranno superate nel 2012, anticipando quindi un nuovo record. La casa tedesca illustrerà in dettaglio i conti dell’anno passato il prossimo 13 marzo.
Vale la pena ricordare Bmw produce automobili dal 1929, inizialmente sforna utilitarie sulla base di una vettura  inglese, la Austin Seven, della quale la BMW acquisì la licenza di produzione. Il periodo della seconda guerra mondiale fu quello eticamente più buio per la casa tedesca che utilizzo la manodopera ebraica messa gratuitamente a disposizione dal regime nazista. La rinascita avvenne a partire dagli anni ’50.