Spa: la Juventus domina sul campo ma i conti sono in rosso

JUVENTUS LOFO

Il 2012 per la Juventus si chiuderà ancora una volta con i conti in rosso, ma un po’ meglio del 2011. Un primo assaggio dei numeri di fine anno, lo danno i numeri dei primi 9 mesi della squadra più amata del Belpaese. Nonostante il trionfo in campionato della squadra guidata dall’ex Antonio Conte che ha visto anche l’arrivo in finale in Coppa Italia (che si giocherà a Roma contro il Napoli), i conti non tornano…
La perdita netta è stata di 39,5 milioni  di euro contro i 43,4 milioni di euro del 2011, a fronte di ricavi di 151 milioni di euro in aumento di circa 10 milioni di euro rispetto allo scorso anno.
La società ha indicato come il miglioramento dei conti sia da ricondurre in particolare allo Juventus Stadium, in quanto i maggiori ricavi da gare sono stati di ben 14,5 milioni di euro. In ogni caso però i debiti rimangono assai alti (96 milioni di euro), nonostante il recente aumento di capitale. Il patrimonio della società, a fine marzo pari a 73,5 milioni di euro, verrà quindi eroso di nuovo con la perdita di fine anno.
Di recente la famiglia Agnelli e il mercato hanno iniettato 120 milioni di euro nella società e non è detto che sia finita qui, perché serviranno nuovi investimenti per affrontare la prossima stagione, in cui la Juventus parteciperà alla Champions League (la cui partecipazione comunque assicura forti introiti). Comunque ben 35 milioni di euro arriveranno dalla Fiat sotto forma di sponsorizzazione. Nessun miglioramento di bilancio in vista, però, perché in questi nove mesi i costi operativi sono stati assai elevati.