Spa: la Piaggio continua a investire nel mercato indiano

Piaggiobrandlogo

Il presidente del Gruppo Piaggio, Roberto Colaninno, ha inaugurato  a Baramati, nello Stato di Maharashtra, un nuovo impianto industriale per la produzione della Vespa LX per il mercato indiano. E lo ha fatto con tanto di accensione delle lampade per auspicare la protezione del Dio Ganesh e con il tradizionale taglio del nastro rosso.
Roberto Colaninno era accompagnato dai vertici dellà società italiana, fra cui spiccava anche suo figlio Matteo, dall’ambasciatore d’Italia a New Delhi, dal presidente di Piaggio India Ravi Chopra, da ministri indiani, il presidente del Gruppo Piaggio ha dichiarato che “con l’ingresso in India la Vespa diventa a tutti gli effetti un veicolo globale e si trasforma in un elemento chiave nella nuova strategia di globalizzazione del gruppo”.
L’impianto di Piaggio Vehicles Private Ldt. è il 3° cheè stato costruito a Baramati. Si sviluppa su un’area di ben 150mila metri quadrati di cui 32.000 sono coperti, ed è in grado di produrre 150.000 unità ongi anno della Vespa LX, dotata di un nuovO motore 125cc a 4 tempi e 3 valvole, che potranno diventare 300mila entro la fine del 2013.
Concepita per il mercato locale, la Vespa LX inaugura in India un segmento ‘premium’ a un prezzo di circa 66.000 rupie (quasi 1.000 euro) e si rivolgerà soprattutto ai ceti medio-alti urbani, senza trascurare il pubblico femminile. Il nuovo scooter presenta adattamenti specifici dal punto di vista ergonomico, con una più facile accessibilità a motore e pneumatici e sarà particolarmente silenziosa ed ‘eco friendly’, offrendo percorrenze che sono superiori a 60 chilometri con un litro di benzina.