Spa: lieve calo di profitti per la Coca-Cola ma utili in crescita

800px-Coca-Cola_logo.svg

La bibita gassata per eccellenza fa registrare un lieve calo i profitti. A causa dell’incremento dei costi degli ingredienti la Coca-Cola nel 2° trimestre del 2012 ha fatto registrare una flessione dei profitti.
Il gigante di Atlanta ha fatto segnato un utile netto in calo a 2,79 miliardi di dollari Usa da 2,80 miliardi di dollari Usa dello stesso periodo del 2011o. I ricavi comunque sono saliti del 2,7 per cento a 13,1 miliardi di dollari Usa, più del previsto, nonostante i risultati deboli nel Vecchio Continente, dove il volume di vendite è sceso del 4 per cento e il fatturato è calato del 9 per cento a causa della crisi dei consumi generalizzata. A spingere in alto il fatturato sono stati i prezzi in aumento negli Usa e le vendite in aumento in alcuni Paesi emergenti come l’India, dove si è bevuto il 20 per cento in più rispetto al 2011.
Smentite le stime degli analisti che attendevano profitti per 1,19 miliardi di dollari Usa su un giro d’affari per 12,99 miliardi di dollari Usa. Il margine lordo è calato dal 60,8 al 60,1 per cento. Bene i volumi di vendite anche nella zona del Pacifico (+8 per cento), in Nord America (+1 per cento) e in Africa (+12 per cento).
Vale la pena ricordare che a “Coca-Cola” fu inventata dal farmacista statunitense John Stith Pemberton l’8 maggio 1886 ad Atlanta, inizialmente come rimedio per il mal di testa. Il primo nome che venne dato alla bevanda fu “Pemberton’s French Wine Coca”. Quella di Pemberton era una variazione del cosiddetto “vino di coca” (o Vin Mariani), una miscela di vino e foglie di coca che aveva avuto largo successo in Europa quando era stata creata dal farmacista còrso Angelo Mariani. All’alcol venne in seguito sostituito un estratto delle noci di cola, una pianta tropicale. Dall’uso combinato dei 2 ingredienti principali, la coca e la cola, la bibita acquisì il nome attuale. Quando anche la coca venne bandita, venne scartato l’alcaloide dagli estratti dalle foglie di coca, mentre la cola (in noci) continuò a essere utilizzata.