Spa: Lufthansa vende filiale a International Airlines Group

Lufthansa_logo

La Lufthansa, l’importante compagnia aerea tedesca, ha annunciato ieri di aver firmato un contratto di vendita della sua filiale Bmi (acronimo di British Midland International) alla concorrente International Airlines Group, l’associazione che che raggruppa le compagnie aeree Iberia e British Airways. La vendita verrà conclusa nel primo trimestre del prossimo anno, il prezzo dell’operazione è stato fissato a 172,5 milioni di sterline, pari a circa 207 milioni di euro e più che agli asset tangibili e alla sua quota di mercato (la compagnia risulta infatti in perdita) si riferisce ai cinquantasei slot di decollo e atterraggio che British Midland International detiene a Heathrow, l’aeroporto di Londra che è anche il  più frequentato del Vecchio Continente.
Ma fra il dire e il fare… Tra l’accordo e la sua effettiva conclusione potrebbe infatti frapporsi un ostacolo. La Virgin Atlantic, di proprietà del miliardario Richard Branson, che era uscita sconfitta dalla gara per accaparrarsi proprio Bmi, ha deciso di rivolgersi all’antitrust britannica nel tentativo di bloccare l’acquisto della compagnia da parte di Iag perché, a suo dire, potrebbe venire a crearsi una posizione dominante nel settore. Lo ha detto il portavoce della società di Branson in una email che viene citata dall’agenzia di stampa Bloomberg News.
Vale la pena ricordare che La Lufthansa è la principale compagnia area tedesca  e risulta essere la settima compagnia area del globo, la seconda in Europa, per passeggeri per chilometro trasportati. Il gruppo Lufthansa vanta una flotta di oltre 340 aerei e circa 117.000 persone in tutto il mondo, ha per hub principale Francoforte.