Spa: Mediaset dà addio al Grande Fratello

Mediaset

Addio al Gran Fratello. Perlomeno sulle reti Mediaset. A voi la scelta se  strapparvi i capelli o stappare una bottiglia di quello buono.
Il Biscione infatti cede Endemol (fra l’altro appunto Grande Fratello) e da “creditore, azionista e cliente” si trasforma in semplice cliente: dal 2013 dovrà acquistare il format, acquisti ad oggi rappresentano il 25 per cento del margine operativo lordo di Mediaset. Oggi Mediaset Espana ha comunicato di aver venduto “la totalità della sua quota di debito senior in Endemol che attualmente corrisponde al 4,2 per cento della totale di tale debito”.
Dunque il Biscione abbandona la partita Endemol in cui era entrata nel 2007 rilevando il 33 per cento del gruppo fondato da John de Mol, attraverso una complessa operazione da 2,7 miliardi di euro chiusa insieme a Cyrte Fund e Goldman Sachs che avevano le stesse quote.
Ma poi, per l’insostenibilità del debito e la crisi internazionale, la redditività di Endemol è crollata, ed è apparso chiaro che l’azienda avrebbe avuto difficoltà a rimborsare la sua esposizione.
Negli ultimi 2 anni la partecipazione di Mediaset è stata completamente svalutata con un costo complessivo di 400 milioni di euro.
Mediaset ha anche pensato di restare azionista di Endemol tutelando il proprio ruolo di socio industriale, ma alla fine dello scorso anno i creditori di Endemol si sono accordati per ristrutturare la situazione finanziaria del gruppo convertendo i crediti in capitale.
Il primo creditore di Mediaset era quindi Apollo Investment con il 28 per cento del debito senior, seguito da Cyrte Fund con il 21 per cento circa.
E proprio il fondo Apollo avrebbe rilevato la quota Mediaset del debito, pari a circa il 6 per cento del totale. Con l’operazione Mediaset avrebbe incassato 66 milioni di euro vendendo la sua quota nominale di debito da 110 milioni di euro.
Apollo Investment diventa così il soggetto più esposto verso Endemol e sarà primo socio con il 35 per cento al momento della conversione dei crediti in capitale. Cyrte fund sarebbe il secondo azionista con il 21 per cento delle azioni.
Così l’azionariato di Endemol è destinato ad essere composto completamente da fondi d’investimento e da istituti di credito: l’unica banca che conserva ancora una porzione di debito verso il Endemol è Intesa Sanpaolo.