spa: Moody’s ha ora il Monte dei Paschi di Siena nel mirino

800px-BMPS_e_logo_gruppo_MPS

La nostra più prestigiosa banca, Monte dei Paschi di Siena, è sotto osservazione. Infatti Moody’s, la famosa agenzia di rating, ha messo sotto osservazione l’istituto per un possibile downgrade depositi e il bank financial strenght rating (Bfsr) e D+i rating Baa1/prime-2 su debito senior.
La revisione per il downgrade dei rating di vari strumenti subordinati di Monte dei Paschi di Siena, iniziata il 7 novembre dello scorso anno, è stata ampliata. Sotto revisione anche il Monte dei Paschi di Siena Capital Services.
Per Moody’s c’è una “possibilità significativa che i rating del Monte dei Paschi di Siena spossano peggiorare”. Alla base di questa considerazione ci sono sopra tutto l’incertezza che il piano dell’istituto possa rispettare i criteri sul capitale definiti dall’Eba: “Visto – hanno considerato gli analisti dell’agenzia di rating – che include vendite e joint venture, che possono essere difficili da portare a termine e che portano con sè una serie di rischi”.
Inoltre Moody’s ha evidenziato la debole capacità della banca di generare capitale in modo organico, aumentando la possibilità che ci sia bisogno di un supporto di capitale con intervento di terze parti.
Vale la pena ricordare che la Banca Monte dei Paschi di Siena nacque nel  147  come monte di pietà per dare aiuto alle classi disagiate della popolazione senese. E’ la banca più antica del mondo tuttora in attività e la prima vera banca della storia in senso moderno. La società di Rocca Salimbeni costituisce, assieme alle controllate Antonveneta e Biverbanca, il terzo gruppo bancario del Belpaese per numero di filiali: il Gruppo Montepaschi.