Spa: Saras chiude un 2011 con un deciso miglioramento dei conti

PETROLIOjpg

I dati del quarto trimestre dello scorso anno della Saras indicano ricavi in crescita e margini in picchiata. Sono dati migliori delle attese degli esperti.
Un lasso di tempo che riporta il risultato netto in nero a 10,3 milioni di euro in contrasto con il rosso da 3,5 milioni di euro del 2010. Il fatturato è salito del 28 per cento a 2,9 miliardi di euro e il margine lordo è sceso del 31 per cento a 55 milioni di euro, ma con il dato positivo del settore raffinazione (5 milioni di euro).
Saras presenta anche l’intero bilancio 2011, che ha visto i ricavi salire del 28 per cento a 11 miliardi di euro, il margine operativo lordo a 266 milioni di euro (un +79 per cento). Sono stati i livelli dei prezzi a farla da padrone. lo scorso anno il diesel è stato scambiato a una media di 958 dollari Usa alla tonnellata rispetto ai 683 dollari Usa dell’anno precedente e la benzina a 979 dollari Usa contro i 730 dollari Usa del 2010.
Anche i volumi sono cresciuti, grazie al passaggio dalla vendita in conto proprio anziché in conto terzi. Il risultato netto è stato positivo per 58 milioni di euro. L’anno precedente la perdita era stata di quasi 10 milioni di euro.
Ha commentato il presidente Gian Marco Moratti: «Il Gruppo Saras, nonostante il difficile quadro macroeconomico, ha ottenuto un risultato solido nel quarto trimestre dello scorso anno. I risultati del settore Marketing sono stati soddisfacenti, e hanno beneficiato della forte integrazione con le attività di raffineria, così come annunciato alla fine del primo semestre. Il settore Raffinazione ha ottenuto un Ebitda comparable positivo per circa 5 milioni di euro».