Spa: utili record per la Sky Italia

Logo_sky

La Sky Italia va più che bene, anzi va benissimo. La sezione italiana dell’emittente di Murdoch ha chiuso il 2° trimestre fiscale con un utile operativo di 6 milioni di dollari Usa. Ha fatto dunque registrare un miglioramento di 18 milioni di dollari Usa rispetto al rosso operativo da 12 milioni di dollari  Usa registrato nello stesso periodo del 2011.
A diffondere i dati è stata, ieri dopo la chiusura di Wall Street, la News Corp, che controlla Sky. Il giro d’affari in valuta locale è cresciuto un po’ grazie all’aumento degli abbonamenti e della pubblicità.
Inoltre un calo delle spese e dei costi di programmazione ha favorito la crescita dell’utile operativo. Crescono gli abbonati che sono a quota 5,03 milioni dollari Usa, in crescita di 23.000 unità nell’ultimo trimestre. La base di 5,03 milioni di abbonamenti indica un aumento di circa 23.000 di unità nel trimestre.
La News Corp ha superato le previsioni degli analisti, grazie al buon andamento delle attività della divisione cinematografica (utile raddoppiato a 393 milioni di dollari) e di quelle via cavo (+20 per cento a 882 milioni di dollari Usa). Ma Rupert Murdoch ha comunque detto che l’impatto negativo dello scandalo sulle intercettazioni in Gran Bretagna potrebbe farsi sentire.
L’utile si è attestato a 1,06 miliardi di dollari Usa, 42 centesimi per azione, contro i 642 milioni di dollari Usa, 24 centesimi per azione, dello stesso periodo del 2011.
Tolte le voci straordinarie, i profitti sono stati pari a 39 centesimi per azione, meglio dei 34 centesimi attesi dagli esperti. Il giro d’affari è aumentato del 2 per cento a 8,98 miliardi di dollari Usa.