Stipendi SuperManager PA pubblici online

montecitorio

Non bastava soffrire nel solo vedere gli stipendi esorbitanti dei nostri ministri, premier e parlamentari. Da oggi sono online anche quelli dei dirigenti pubblici. Il nostro ministro della Pubblica amministrazione, Filippo Patroni Griffi, ha infatti consegnato alle Commissioni riunite Lavoro e Affari costituzionali e lavoro della Camera i dati relativi alle retribuzioni dei nostri amministratori pubblici.

Anche qui parliamo di cifre consistenti. Sul podio: Antonio Manganelli, capo della Polizia, con un guadagno di 621.253,75 euro, al primo posto, a seguire il ragioniere generale dello Stato, Mario Canzio con 562.331,86 euro e il capo del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Franco Ionta con 543.954,42 euro.

La lista che è stata consegnata è di circa una sessantina di manager pubblici che guadagnano cifre superiori ai 294 mila euro, parliamo del compenso che spetta di norma al primo presidente della Corte dei Conti. Cifre alquanto milionarie insomma. Solo per fare capire la differenza tra il nostro Paese e gl’altri vi comunichiamo quello che è lo stipendio di Barak Obama, presidente degli Stati Uniti d’America. Bene, Obama prende 400 mila dollari, pari a circa 280 mila euro.

Roba da non crederci insomma visto che stiamo parlando della stessa somma di un direttore generale italiano che lavora in qualche Comune o Provincia. Come è possibile una cosa del genere? In molti si pongono questa domanda, chiedendosi se il livello di questi stipendi può considerarsi ragionevole rispetto alle funzioni e alle responsabilità dei manager.

Domande lecite, insomma, visto la differenza rispetto a tutto il resto del mondo. Poi non interroghiamoci sul perché il nostro debito è arrivato a toccare certi livelli, la risposta sembra adesso molto scontata.