Terremoto Emilia maggio 2012, Modena attiva c/c di solidarietà

320px-San_Felice_SP_Largo_Posta

Nella giornata di ieri domenica 20 maggio 2012, in Emilia Romagna un terremoto di magnitudo 6 ha compiuto una strage: 6 vittime, 4.000 sfollati, centinaia di danni a edifici, siti storici e abitazioni. Una catastrofe ancora tutta da quantificare, visto che oggi, lunedì, la protezione civile è al lavoro per gestire gli edifici a pericolo collasso e trovare gli ultimi dispersi del terremoto. Sarebbe però corretto parlare più di sciame sismico, visto che le scosse rilevate sono oltre 80, e diverse di queste hanno avuto una forza superiore a 5.

La notizia all’estero

Dagli Stati Uniti, la notizia del terremoto in Emilia è stata subito pubblicata dai mass media, in quanto il premier Mario Monti ha dovuto improvvisamente abbandonare un summit con la Nato . Il Washington Post è stato tra i primi giornali ad averne data notizia, anche pubblicando un video-servizio con le immagini del terremoto. Immagini che hanno fatto un giro del mondo: qui il servizio del francese Le Monde, mentre nelle ultime ore sono andati online anche i video servizi di Fox News, New York Times, All Jazeera e CNN.

Iniziative di solidarietà

Il Nuovo Giornale di Modena scrive che è stato abilitato un conto corrente per inviare denaro in beneficenza, che sarà utilizzato per i lavori di manutenzione dei manufatti danneggiati e per aiutare le misure straordinarie del Governo sul pronto intervento per cittadini e imprese danneggiate. Il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabatini ha affermato che “pur non avendo ancora una stima esatta dei danni provocati dal sisma, sappiamo che sarà necessario intervenire in via straordinaria su edifici, strade e infrastrutture di nostra competenza”.

Internet protagonista

Su Youtube i video pubblicati in merito al terremoto delle provincia di Modena e Ferrara sono tantissimi: ciascuno di essi ha ricevuto in media 20.000 visite in meno di 1 giorno, in totale le visualizzazioni su Youtube hanno superato il milione di utenti. Anche il social network Twitter è stato molto importante perché ha permesso di geolocalizzare in tempo reale le richieste di aiuto da parte dei cittadini.