Terremoto in America, New York e Washington nel panico

usa

Una forte scossa di terremoto, di magnitudo 5.8 gradi della scala Richter, ha colpitola Virginiaa sud di Mineral. Per circa un’ora gli Stati Uniti sono sprofondati nel panico e nella paura. La terra ha tremato soprattutto a Washington, a causa dell’epicentro a poca distanza dalla capitale, dove sono stati evacuati per precauzione gli uffici del Pentagono e la sede del Congresso. La scossa è stata avvertita anche a New York.

Un rumore sordo, poi un fortissimo ondeggiare, gente per strada e scene di panico, è così che si è manifestata la forte scossa di terremoto nel centro di Washington, a due passi dalla Casa Bianca. L’epicentro è stato localizzato nella zona di Mineral, una località rurale della Virginia a140 chilometridalla capitale. Ma tutta la zona circostante, tra Capitol Hill e il Mall, che costituisce il cosiddetto Federal Triangle, sede dei più importanti ministeri americani, è stata fatta evacuare. In breve tempo è andata in tilt anche la rete telefonica, così come la luce in parecchie zone della città. Secondo i primi rilievi non ci sarebbero danni gravi né alle persone, né agli edifici. Pompieri e soccorsi hanno comunque bloccato l’accesso a tutti i palazzi del centro, per fare le prime verifiche sulla stabilità degli edifici. Tutta l’area davanti alla Casa Bianca poi è stata transennata come anche la zona di fronte a Capitol Hill. Dopo le prime scene di paura, con gente che è scoppiata in pianto in preda al panico, è fortunatamente tornata la calma. La scossa oltre a New York, è stata avvertita anche in tutta la costa est, perfino nell’incantevole e lussuosissima  Martha’s Vineyard, luogo di vacanze scelto proprio dal presidente Barack Obama e famiglia.