Terremoto in Giappone 7 dicembre 2012: no tsunami post-sisma, ma la Borsa è giù (il video)

MiyagiMapCurrent_it

Alle ore italiane 09:18 di oggi venerdì 7 dicembre 2012 ad est del Giappone c’è stata una fortissima scossa di terremoto, il cui epicentro era profondo 32 chilometri e la cui magnitudo è stata registrata essere 7.4. La scossa ha generato un “allarme tsunami” da parte della prefettura di Miyagi ma, al di là di una serie di onde alte poco più di 2 metri, nessuno tsunami si è generato dal sisma. Il terremoto è stato poi seguito da una scossa di magnitudo 6.2. Le scosse si sono sentite a Miyagi e a Tokyo provocando meno di dieci feriti di lieve entità e danni minimi a edifici. Ok le centrali nucleari che non hanno fatto registrare nessuna anomalia.

La paura però c’è stata, almeno sul web: una serie di aggiornamenti in diretta del terremoto (come questo) hanno informato la popolazione mondiale sull’eventuale tsunami, che non c’è stato, e infatti gli aggiornamenti si sono spenti poco prima di ora di pranzo. Twitter è stato il social network più seguito sugli aggiornamenti dal Giappone. La notizia più “calda” è stata quella dell’evacuazione della centrale di Fukushima, evacuazione più che altro precauzionale visto la catastrofe di marzo 2011 presso la stessa centrale nucleare.

Nel 2011, ricorderete, lo tsunami ebbe danni economici pazzeschi: soltanto il settore delle nuove tecnologie (Internet, televisori, telefonini) subì un danno a livello globale stimabile intorno agli 870 miliardi di dollari, danneggiando anche il business di grosse multinazionale come la Apple.

Anche questo terremoto al largo delle coste, però, non è passato inosservato sui mercati. La Borsa di Tokyo infatti questa settimana aveva fatto registrare uno straordinario guadagno del +0,86% per gli inserzionisti, registrando il tetto più alto da sette mesi a questa parte. Oggi però, importanti indici, tra i quali il Nikkei 225, hanno fatto registrare un calo di circa il -0,20%, salvando soltanto lo yen sul paniere delle valute internazionali.

Qui il video del terremoto.