Un’occhiata al mercato immobiliare in Italia 2014

remax

“Non possiamo che essere soddisfatti del riscontro che abbiamo avuto da questa prima Conferenza Immobiliare del 2014. Abbiamo voluto inaugurare il nuovo calendario di appuntamenti partendo proprio dalla Capitale certi che gli agenti immobiliari RE/MAX e quelli non affiliati alla nostra rete ma anche i semplici interessati al mondo immobiliare avrebbero risposto numerosi al nostro invito, e così è stato!” –commenta Dario Castiglia, Presidente RE/MAX Italia a poche ore dal termine dell’incontro che lo ha visto unico relatore davanti ad una platea numerosa.

Durante questo primo incontro – tenutosi martedì a Roma martedì 28 gennaio presso l’Holiday Inn Hotel Rome Aurelia (Via Aurelia, km8, 400) – Dario Castiglia ha analizzato le prospettive del mercato immobiliare per il 2014.

“Parlando in generale dell’andamento del mercato immobiliare in Italia, nell’ultimo anno abbiamo iniziato ad intravedere dei timidi segnali di ripresa,  nonostante a livello europeo il nostro Paese si posizioni ancora come fanalino di coda rispetto alle altre Nazioni a causa della crescente disoccupazione. Secondo i dati raccolti e analizzati da RE/MAX – dichiara Dario Castiglia, Presidente RE/MAX Italia – a breve assisteremo ad un calo dei prezzi degli immobili nonostante l’aumento della compravendita, che ci porterà così a rivivere un momento fasico ma soprattutto tipico del cosiddetto “ciclo del nido d’ape” che caratterizza il mercato del Real Estate. A nostro avviso, comunque, in Italia assisteremo nel 2014 alla ripresa delle contrattazioni che renderanno così il momento appetibile sul fronte del rapporto tra rendita e prezzo dovuto ad una diminuzione del tasso d’inflazione e ad una ‘apertura’ da parte delle banche.”

Durante la conferenza è stato anche fatto unfocus sull’andamento del mercato immobiliare nella città di Roma in cui ancora oggi – come nel 2013 – si sta registrando un calo dei prezzi dovuto anche al crollo delle vendite registrato negli scorsi mesi.

Secondo i dati raccolti da RE/MAX Italia, le zone periferiche hanno perso nel giro di due-tre anni il 30% del loro valore. Non così il centro storico, dove i ritocchi si sono sentiti, ma difficilmente oltre il 15%.  Lunghe e complesse le trattative: i tempi medi di vendita sono saliti in media a sette mesi, mentre la forbice di “sconto” tra prezzo di partenza richiesto dal proprietario e prezzo finale è ormai del 15%.

Attualmente a Roma si registra una scarsa domanda per quanto riguarda la prima casa in zone periferiche e nella provincia, mentre l’offerta di immobili risulta essere abbondante in tutte le fasce di mercato tranne nel settore alto lusso dove le “chicche” restano sempre una rarità. In calo in tutte le fasce di mercato il numero di compravendite.

Parlando invece di prezzi, secondo RE/MAX Italia, si sta ancora registrando una forte discesa nelle zone periferiche e della provincia,  mentre il calo sembra essere più lieve ma costante in quelle del centro e semicentro. Le zone che tengono di più sono quelle urbanizzate con servizi e trasporti.

Il calendario di Conferenze firmate da RE/MAX Italia continuerà toccando le città di Perugia (26 febbraio), Bologna (25 marzo), Milano(17/aprile), Mestre (29 maggio), Roma (Convention nazionale RE/MAX 20 giugno), Genova (17 luglio), Caserta (30 settembre), Torino (30 ottobre ), per terminare nella città di  Firenze il 27 novembre 2014.

remax