Se l’euro fallisce cosa succede?

Proviamo ad immaginarci cosa succederebbe se l’euro dovesse fallire.

E’ una domanda alla quale molti in questo periodo, visto il livello di crisi dell’eurozona, cercano di dare una risposta ma è difficile immaginare o dare risposte certe di quello che potrebbe succedere. Viene considerato come uno scenario non accettabile o comunque impossibile. Ogni giorno leggiamo e sentiamo la paura delle persone che non immaginano cosa accadrebbe se il mercato dell’Europa crollasse, se perdessimo l’euro. Dieci anni fa non riuscivamo a pensare un mondo con una moneta unica europea ed invece adesso ci siamo talmente abituati che non riusciamo a immaginare cosa potrebbe succedere se l’euro uscisse dai mercati europei. Sicuramente una rottura della zona euro costituirebbe una catastrofe globale, manderebbe in panico tutti i mercati e genererebbe un orrore economico difficile da gestire, per non dire impossibile. E gli europei, allo stato attuale, non sembrano particolarmente pronti nel tentare di prevenire simili conseguenze. Sicuramente una rottura dell’area Euro renderebbe la situazione caotica, anche se ad uscire fossero soltanto alcuni paesi, quelli considerati dal punto di vista della competitività particolarmente deboli, le cose non sarebbero comunque facili da gestire. Il fallimento dell’euro in una zona di influenza come quella del marco tedesco e di altre dieci valute nazionali, genererebbe un pandemonio finanziario ed economico, troppo difficile da recuperare.

Dopo il lungo lavoro degli specialisti, durato circa 7 anni di preparazione e pianificazione per poter generare l’area Euro, la fine di questo sistema rappresenterebbe davvero un fallimento globale dove nessuno, neanche i paesi che non ne fanno parte, può sentirsi escluso.

 

 

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica